Cosa si intende con "femminicidio"?
Non c'è accordo sul reale significato di questo termine, coniato con il fine principale di far luce su una grave problematica di tipo culturale, ma se questo viene costantemente trasfigurato diventa impossibile conoscere bene “il nemico comune” di conseguenza sarà quasi impossibile rallentarlo e tantomeno fermarlo, mentre sarà destinato a rimanere soltanto uno slogan popolare
Giovanni Piaggi | 7 May 2021

Il termine femminicidio è uno dei più utilizzati nella cronaca nera, eppure il suo significato non è scontato. C’è chi si sofferma sull’autore del delitto, che può essere il marito, il fidanzato o l’ex-partner della donna, ma in alcuni casi nella lista vengono inclusi anche il padre, il fratello, il cugino, o addirittura il figlio. Altri preferiscono evidenziare il movente dell’omicidio, come il possesso, la superiorità, la vendetta, l’oggettificazione, la misoginia. In alcuni casi viene data unicamente importanza alle caratteristiche della vittima, con la classica definizione “omicidio di una donna in quanto donna”, un concetto che può voler dire tutto e niente, perché letteralmente sarebbe riconducibile al movente della misoginia, ma secondo alcune divulgatrici, tra cui anche la blogger e scrittrice Michela Murgia, essere donna comporterebbe in automatico, in un contesto patriarcale, una condizione di inferiorità che renderebbe la stessa soggetta a una serie di soprusi che talvolta possono sfociare nel femminicidio. La stessa si riferisce però al termine “femminicidio” come a un concetto prettamente figurato, che indica l’oppressione subita dalle donne in passato e che viene perpetrata in parte ancora oggi, per questo si parla spesso di “morte professionale”, quando una donna viene relegata ad occuparsi della casa e ad accudire i figli senza possibilità di costruirsi un futuro lavorativo attivo.

Se poi pensate che la confusione ideologica riguardi soltanto la popolazione media, vi sbagliate. Persino i più importanti centri di statistica e informazione come l’ISTAT riportano definizioni e dati con evidenti contraddizioni logiche. Teoricamente dovrebbero seguire l’enunciato ufficiale della Polizia di Stato del 2018, per il quale “il femminicidio è l’omicidio di donne in ambito familiare per ragioni di genere”, che è forse la meno chiara tra tutte, perché non è chiaro cosa includa nei “motivi di genere”, infatti considerando solo la vendetta e il possesso per l’imminente fine di una relazione, nello stesso anno sono stati registrati 32 femminicidi, mentre estendendo il campo  a tutti i precedenti autori e i relativi moventi, il numero saliva fino a 101.

A fronte di tutta questa confusione concettuale, viene spontaneo chiedersi quale sia il metodo con cui viene catalogato l’omicidio di una donna in campo giudiziario; ebbene il femminicidio in legge non esiste. In Italia esistono aggravanti se l’uccisione avviene all’interno di una relazione stabile, ma non avvalorano né particolari moventi né il sesso della vittima e del carnefice. Il termine è stato coniato con il fine principale di far luce su una grave problematica di tipo culturale, ma se questo viene costantemente trasfigurato diventa impossibile conoscere bene “il nemico comune” di conseguenza sarà quasi impossibile rallentarlo e tantomeno fermarlo, mentre sarà destinato a rimanere soltanto uno slogan popolare.