Il mio tirocinio a Zai.Net
Nelle ultime settimane ho svolto un tirocinio curriculare presso Zai.Net e Hot Block Radio, un’esperienza che mi ha permesso di cimentarmi concretamente nella pratica giornalistica, e dalla quale ho imparato molto
Stefano Stoppa | 18 June 2021

Mi chiamo Stefano Stoppa, e sono uno studente dell’Università di Bergamo.

Nelle scorse settimane, a partire dal 10 maggio, ho svolto un tirocinio curriculare presso Zai.Net e Hot Block Radio. L’esperienza, che si è tenuta a distanza per un totale di 125 ore, mi ha permesso di conoscere meglio il mondo giornalistico, che da sempre suscita in me particolare interesse, e di cimentarmi nella concreta e quotidiana routine della ricerca di informazioni e della scrittura di articoli. Durante il tirocinio, sono entrato in contatto con la splendida realtà di Mandragola Editrice, che conduce progetti importanti a sostegno della media literacy, una vera necessità del mondo contemporaneo, e ho sperimentato molte attività diverse.

La rassegna stampa, condotta tutte le mattine per trovare ogni giorno notizie nuove e interessanti per i lettori di Zai.Net. La scrittura di articoli, a partire dalle fonti consultate e dalle informazioni raccolte, cercando di informare in maniera chiara e seguendo le regole della Search Engine Optimization. La titolazione, pratica fondamentale, in perenne equilibrio tra la capacità di catturare l’attenzione e la necessità di dare le notizie, sulla quale spesso siamo ritornati durante il tirocinio per cercare di migliorare i titoli pensati inizialmente. La correzione di bozze, cioè di articoli inviati da ragazzi e ragazze delle scuole superiori, e la difficile pratica del maneggiare un testo altrui. La ricerca di notizie interessanti attorno a temi particolari e di rilievo, come l’Agenda 2030 dell’Onu, con i suoi 17 obiettivi per lo sviluppo sostenibile che riguardano tutti noi che abitiamo questo pianeta. Gli interventi in radio nella trasmissione Zai.Time, parlando delle notizie trovate con i conduttori Chiara di Paola e Riccardo Cotumaccio.

Per Hot Block Radio, poi, ho scritto ogni giorno notizie flash, brevi articoli sulle uscite e le novità del mondo rap e hip hop italiano, americano e francese. Ho imparato come cercare le informazioni utili, e mi sono abituato a scrivere tutti i giorni. Ho poi rilanciato le notizie su Twitter, sintetizzando in pochi caratteri i fatti più rilevanti.

Molti aspetti sono ancora da migliorare, dalla titolazione alla velocità di scrittura, necessaria nel mondo giornalistico, fino al modo di parlare in radio. Con questa esperienza, però, ho imparato a riconoscerli, e ho iniziato a lavorarci.

lnsomma, il tirocinio mi è decisamente servito.

Voglio ringraziare per questo la redazione di Zai.Net, e in particolare Chiara di Paola, che mi ha seguito durante tutto il percorso e ha anche curato le procedure burocratiche di avvio del tirocinio, e Roberta Persichino. Ringrazio anche la redazione di Hot Block Radio, in particolare Massimiliano e Alessandro, con i quali ho lavorato in queste settimane.

Il giornalismo è da sempre un mondo che cattura il mio interesse, e scrivere è un’attività che ho sempre svolto volentieri. Non ho mai avuto, tuttavia, le idee particolarmente chiare su cosa fare nella vita, e tuttora non saprei dire con certezza dove mi porterà il futuro. Ma nessuno può saperlo. L’unica cosa da fare è cercare di affrontare bene il presente, e conoscere il mondo nel quale si vive. E questa esperienza, consigliata a tutti, dà sicuramente importanti strumenti per farlo.

Grazie Zai.Net. Grazie Hot Block Radio.